Controfestival di Margi Villa Del Priore

Controfestival di Margi Villa Del Priore

febbraio 10, 2019 0 Di

“Record d’ascolti” esclama il direttore artistico, i giornali parlano di calo d’ascolti ! La verità quale sarà? Bah. Fanno di tutto per non farci capire la verità, d’altronde tutti devono far vedere di avere successo, se no sei un fallito nella società,ed ecco la società di sola immagine e poca sostanza ! La società dell’apparire è servita anche a Sanremo. Prima apparizione per Baglioni con un vestito  da uomo completamente bianco e il web esulta :” Il carretto passava e quell’uomo gridava gelati“. Tra canzoni, vestiti e presentatori non so scegliere cosa è peggio. Dai social si evince, quello che abbiamo notato tutti , non canta più nessuno, tutti parlano o usano il rap, ma siamo il festival del rap o della bella canzone italiana? Bah! Questo è un bel quesito per uno studio, l’evoluzione della canzone italiana. Malgrado qualche ritocchino la Tatangelo con il suo elegante vestito è una regina di classe ed è soprattutto molto sexy! Le gag dei tre presentatori sono sempre da teatro parrocchiale con acqua e ombrelli al seguito. L’attore Renato Pozzetto con il gruppo Stato Sociale sono super, diversi, energici e eseguono la canzone fuori al teatro di Sanremo tra l’entusiasmo della gente in strada, sono ospiti in un’accoppiata inaspettata e stravagante che piace. Eros Ramazzotti pronto con il suo tour presenta le sue 95 date in giro per il mondo, vibra di emozione come sempre e fa cantare il teatro Ariston e tutti i telespettatori a casa.  Eros duetta con Baglioni con un pezzo non pervenuto ma la marcia cambia quando finalmente arriva la star internazionale Louis Fonsi, eseguono insieme la canzone: ” Per le strade una canzone“ già un successo in radio e nelle discoteche. La stravagante Loredana Bertè amata dai social con i suoi luminosi capelli celesti e le sue splendide gambe in primo piano in tv è sempre grintosa,  finisce l’esecuzione  e gli orchestrali  si complimentano con il linguaggio dei musicisti e uno splendido coro da stadio che intona il suo nome e lei esclama : “Vi amo”. La regina è solo lei, la vera vincitrice del Festival. !Un lunghissimo applauso e pubblico in delirio. Paola Turci in piena forma fisica e artistica, avvolta in una tutina cortissima e solo una giacca da smoking sopra, leggiadra, elegante e tenera canta la sua canzone con una grande interpretazione.  Il  trio della Famiglia Adams in versione presentatori tornano come ogni sera, per questa gag i loro tre volti sono perfetti, dove la bellezza non regna proprio . Elisa come super ospite ritorna a Sanremo  con una nuova canzone e poi in duetto con Baglioni che è un flop. In conclusione tutto il Festival di Sanremo è stato tutto un caos e un fallimento. I presentatori che non si  capiscono, non si amalgamo, non si sopportano  e si nota benissimo, anzi ognuno andava da solo e non in squadra, il flop dei duetti di Baglioni che è apparso assente e stanco, il fallimento della scrittura del programma tra gag e siparietti penosi, i vestiti dei padroni di casa veramente brutti, la regia scontata e banale, ma quello che è mancato è soprattutto la bellezza della canzone italiana in un audio da frastuono e canzoni rap o parlate. Ma dato che siamo diventati il festival del rap e del parlato di Sanremo mi chiedo dove stanno le voci , i talenti .Conosco belle voci in tutta Italia. …mah…..forse non hanno le possibilità.  La classifica finale  è  una rivolta popolare tra fischi e urla di dissenso al teatro Ariston nel pieno imbarazzo dei tre presentatori sul palco, ecco i finalisti : Ultimo con la canzone “ i tuoi particolari”, Il Volo con la canzone“ Musica resta”,  Mahmood  con la canzone  “ Soldi “. Premio Mia Martini e Premio Lucio Dalla entrambi  a Daniele Silvestri, Premio a Simone Cristicchi, Premio miglior testo a Daniele Silvestri, Premio migliore composizione musicale a Simone Cristicchi, Premio Tim Music a Ultimo. Alla fine  tra confusione per la rivolta popolare del pubblico che ha creato un po’ di caos in sala ma specialmente sul palco. Vince il 69* Festival di Sanremo il rapper italo-egiziano Mahmood con la canzone “Soldi” che  parla di ramadan, periferie, povertà, difficoltà di stare al mondo, di un padre assente. Un brano che aggiunge alla musica il battito di mani ed è un brano moto ballabile. Viva il Festival ora e in futuro!