Passerella Toninelli all’Aeroporto, De Luca e Luciano: “Con quale coraggio”

Passerella Toninelli all’Aeroporto, De Luca e Luciano: “Con quale coraggio”

luglio 9, 2019 0 Di

Aeroporto Salerno Costa d’Amalfi, l’arrivo di Toninelli alimenta la polemica, con il Pd e Piero De Luca che rivendicano con forza il risultato dell’apertura dello scalo, anche se al momento solo a voli privati. “L’arrivo del Ministro Toninelli all’Aeroporto di Salerno Costa d’Amalfi è un’inutile e mortificante  passerella propagandistica. – afferma il segretario provinciale dem Luciano – Coloro che per anni hanno ostacolato ogni iniziativa di sviluppo del territorio adesso tentano, per aver firmato con enorme ritardo un semplice passaggio amministrativo, di prendersi il merito di un successo frutto della determinazione del Presidente Vincenzo De Luca supportato dagli Enti Locali e dalle forze economiche ed imprenditoriali. E’ propria una Nuova Era: dove c’è chi lavora e risolve i problemi e chi mette il faccione sul manifesto. Ma chi vogliono prendere in giro?  È l’ennesima prova di un Governo del Nulla, nemico del Sud e della Nostra Terra”. Non mancano le precisazioni dell’onorevole Piero De Luca. “Il M5S si è opposto per anni all’apertura dell’Aeroporto Salerno-Costa D’Amalfi. Tanti suoi esponenti consideravano la sua realizzazione un inutile spreco di risorse! – scrive De Luca – Con quale coraggio, oggi, si presentano in aeroporto i grillini, mostrando peraltro in modo del tutto inopportuno il simbolo del loro Movimento nella struttura dello scalo. E con quale coraggio il caro Ministro Toninelli pensa di fare una stucchevole passerella, dopo aver rallentato per quasi un anno l’iter amministrativo necessario al rilascio della Concessione finale per la gestione totale? Sono davvero senza pudore. Fortunatamente, abbiamo tenuto alta l’attenzione con due interrogazioni parlamentari e una petizione popolare, perché il Governo del fallimento non bloccasse lo scalo Salerno-Costa D’Amalfi, che è interamente finanziato e sostenuto da risorse della Regione Campania e, in parte, da fondi sbloccati dal Governo Pd. La smettano di attribuirsi inutilmente meriti che proprio non hanno. Noi continueremo a vigilare per evitare ulteriori ritardi e strumentalizzazioni”.