Salerno, spari a Siniscalchi: scarcerati Carmine D’Onofrio e Vincenzo Ventura

Salerno, spari a Siniscalchi: scarcerati Carmine D’Onofrio e Vincenzo Ventura

agosto 6, 2019 0 Di

Carmine D’Onofrio e il cugino Vincenzo Ventura sono stati rimessi in libertà. Alla base della decisione del giudice per le indagini preliminari l’ «assenza di gravi indizi di colpevolezza e nessun riscontro oggettivo» delle accuse rivolte da Gaetano Siniscalchi, il padre di Eugenio e Gennaro accusati entrambi dell’omicidio di Ciro d’Onofrio. Carmine D’Onofrio e Vincenzo Ventura (figlio e nipote di Ciro D’Onofrio ucciso il 30 luglio del 2017 a Pastena con tre colpi di pistola),   erano stati a accusati di essere gli autori del colpo di pistola esploso in direzione della automobile con a bordo Gaetano Siniscalchi, la moglie e la compagna di Eugenio Siniscalchi, ammanettato, pochi giorni prima, con l’accusa di essere il killer di Ciro D’Onofrio.